top of page

Fare la guida ambientale escursionistica in Toscana: i pro e i contro.

Aggiornamento: 4 mar 2021


Ciao! Se stai leggendo queste righe è perché, probabilmente, sei interessato ad intraprendere il mestiere di guida.


Hai trovato dei corsi, hai visto delle pagine facebook di altre guide GAE Toscane piene di foto, eventi e ti stai dicendo "hey, anche io sono un girellone che fa un sacco di escursioni in toscana, anche io vorrei fare questo lavoro”, si perché è un lavoro e si, si può fare.


Ad ogni modo sono sicuro che hai moltissime domande alle quali non trovi risposta da nessuna parte. E se le trovi, sono più risposte che tendono ad invogliarti ad iscriverti un corso piuttosto che darti delle risposte reali.


Ogni anno mi chiamano una decina di aspiranti guide GAE che vogliono sapere come è fare questa professione, quindi, proverò a rispondere a queste domande, ma soprattutto a dirvi tutti quelli che sono i pro ed i contro di questo lavoro.

Prima di tutto mi presento, sono Giulio Cuccioli, ho 35 anni, sono una guida ambientale escursionistica toscana dal 2012. Dal 2015 svolgo questa professione a tempo pieno ed è, nelle sue varie forme, la mia unica fonte di reddito. Per gli ultimi 3 anni ho anche insegnato nei corsi di formazione per guide gestendo i moduli di Progettazione di Itinerari e di Conduzione di Gruppi. Lavoro in tutti gli ambiti in cui una guida GAE può lavorare : Escursioni Giornaliere, Incoming, viaggi in Italia e viaggi outgoing.


.

Perché vuoi fare la guida escursionistica ambientale?

Questa è la domanda che faccio alle aspiranti guide il primo giorno dei miei moduli. Quando gli incontro, di solito, sono già a metà del corso, quindi ormai sono, se non altro, decisi a finire, ma questa domanda andrebbe fatta prima di iniziare il corso.


Quando pongo questa domanda le risposte sono sempre le solite e certamente valide:


- Mi piace la natura!

- Ho passione per l’escursionismo

- Sono Alpinista

- Mi piace camminare

- Voglio fare un lavoro che mi appassioni

- Voglio trasformare la mia passio in lavoro

- Organizzo già trekking in toscana per i miei amici!


E via dicendo su questo tema.

In tre anni di corsi, mai, e dico mai, nessuno che abbia risposto “Perché mi piace stare a contatto con le persone” , perché, ebbene si, questa è la grande verità di questo lavoro. Al contrario di quello che tutti pensano, il lavoro della guida ambientale escursionistica è un lavoro di persone, con le persone, per le persone.


Ovviamente ha anche una componente tecnica, che è essenziale e deve essere la base della professionalità della guida, ma, a mio parere, passa in secondo piano rispetto a tutte le implicazioni umane che questo lavoro comporta.


Badate bene, avevo la stessa identica idea.


Nella mia mente quando mi immaginavo il lavoro della guida mi immaginavo me, vestito da perfetto avventuriero, che apro un percorso con un machete nella fitta vegetazione amazonica, seguito in riverito silenzio, da un piccolo gruppo di persone, e dove le uniche parole che dicevo venivano pronunciate dopo aver raccolto delle feci fresche di giaguaro ed erano un secchissimo “da questa parte”.