ESCURSIONI IN APPENNINO

LE ESCURSIONI E GLI ITINERARI SULL'APPENINO TOSCO EMIALIANO

Appennino: uno dei risultati dell' incredibile spostamento continuo dei pezzi di quel puzzle chiamato pianeta Terra.

Una magnifica spina dorsale che percorre tutta la nostra penisola.

 

Due bellissime regioni, Toscana ed Emilia Romagna, ne condividono un' area caratterizzata da immensi panorami su  praterie di vetta, brughiere a mirtillo, folti boschi di faggio e conifere, valli profonde e impetuosi corsi d'acqua, tranquilli laghetti montani.

 

Queste splendide montagne rappresentano lo spartiacque tra i numerosi bacini che scorrono sui  loro crinali. In Toscana il Serchio attraversa la sua valle toccando la caratteristica Garfagnana e la graziosa Lucca, in Emilia il torrente Ozola, affluente del Secchia ha scavato una profonda valle che comprende un territorio naturale quasi incontaminato incorniciato tra ripide pareti arenacee, toccato solo dagli impianti idroelettrici del centro abitato di Ligonchio.

 

Ma se oggi la catena montuosa è incisa da corsi d' acqua lo si deve anche alle ere glaciali passate, le quali hanno lasciato il segno del loro passaggio. Dal Passo di Pradarena tra verdi praterie e folte brughiere spiccano montagne che a nord nascondono meravigliosi circhi glaciali come Cavalbianco e Monte Sillano.

 

Lungo i sentieri di vetta è possibile ammirare peculiarità del territorio emiliano come la Pietra di Bismantova, porzione di catena montuosa circondata da pianure e piccoli colli.

 

L'area dei Gessi Triassici si estende per circa 10 km lungo l'alta valle del fiume Secchia tra i comuni di Castelnovo ne' Monti e Villa Minozzo. È caratterizzata dalla presenza di antiche formazioni di gesso risalenti al periodo triassico che il fiume ha scavato nei secoli, dando luogo a ripidi versanti della valle di un caratteristico colore bianco.

 

A ogni svolta gli occhi dei visitatori non possono che rimanere abbagliati dalla maestosità del panorama, dallo spiccare di vette alte fino a 2000 mt come Monte Cusna, Alpe di Succiso, Monte Cimone. E le nostre Alpi Apuane non mancano mai.

 

Questi rilievi vantano un' incredibile storia millenaria che si esprime nei borghi montani come Bagnone in Lunigiana, Castelnuovo Garfagnana in Lucchesia e i numerosi paesini della Svizzera Pesciatina, e nelle testimonianze legate ai pellegrinaggi medievali o alla vita di boscaioli, taglialegna, carbonai e pastori.

 

A tratti l'infinita distesa prativa è incisa da folti boschi di faggio e Abetina reale, un tempo di proprietà degli Este. La varietà di ambienti è arricchita da specchi d'acqua costituiti la paradisiaci laghi come il Lago nero e il suo bivacco.

 

Animali come il lupo, il cervo, il capriolo, l'aquila reale e rarità botaniche  fanno di intere zone veri e propri giardini botanici naturali.